Granita, immancabile tradizione culinaria nella domenica Made in Sicily. Una rinomata passione tutta siciliana che coinvolge i visitatori di ogni parte.

La storia della granita siciliana inizia nel Medioevo, grazie ad una professione dell’epoca, quella dei “nivaroli”. Uomini che nella stagione invernale raccoglievano la neve sui monti siciliani. Tutto veniva conservato per la stagione estiva. La neve veniva grattata e utilizzata nella preparazione di sorbetti con sciroppi o frutta. In seguito le nuove tecniche perfezionarono questa soffice pietanza, fino a farla diventare simbolo della Sicilia. Oggi la granita siciliana è di vari gusti, dai più classici: limone, cioccolato, mandorla, caffè, fragola, ai più innovativi come nutella, ricotta, lampone, kiwi, e tantissimi altri gusti deliziosi.

LEGGI ANCHE: Cassatelle o cassateddi, immancabili nella domenica made in Sicily

Una tradizione che ben si sposa con le temperature dell’estate siciliana. Infatti le domeniche assolate vengono accompagnate da molti con un bel bicchiere di granita. Rinfrescante, ma anche gustosa, nelle sue innumerevoli eccezioni, la granita siciliana diventa un simbolo della colazione isolana. Non c’è turista che nel visitare la Sicilia non si soffermi davanti ad un bar a gustarsi una dolce granita accompagnata dalla inseparabile brioche con il tuppo.

LEGGI ANCHE: Cannolo siciliano, il dolce dessert invidiato da tutto il mondo

In questa facile colazione si racchiude tutto il sapore mediterraneo e i suoi profumi, tipici di una terra che ama il sole, la gioia e l’allegria, come quella che ti mette la granita.

LEGGI ANCHE: Made in Sicily! Al pranzo domenicale porta sempre la “nguantìera” di dolci

SEGUICI SU -> Facebook: PrometeoNews

CI TROVI ANCHE SU -> Twitter: @PrometeoNews  E SU  -> Instagram @prometeonews_it

E SU  -> Linkedin Prometeonews

Foto articolo: Immagine di repertorio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.